Da Bufalo a Baldot

Da Bufalo a Baldot


Da Bufalo a Baldot
dall’anello alla tela
da ex pugile Uvaldo Torres 
a pittore affascinante.

Baldot, come ora preferisce essere chiamato per il suo lavoro, 
ha trovato l’astrattismo e la pittura figurativa. Aveva la sensibilità di 
creare e ha deciso a dipinti dedicati alla cultura afro. “Ogni linea, 
come dice il maestro Manzur, dipinge ed è arte. 

“Ho dovuto imparare la luce e le ombre e la teoria del colore. Non ho un’ora di lezione. I miei amici mi hanno aiutato. Vengo dai Caraibi e veniamo già con quell’eleganza nel vestire e combinare un colore con l’altro”

“dipingo i volti in primo piano dei miei coetanei nei Caraibi, che hanno un 
bemba (una bocca spessa, caratteristica degli Afros), 
che voglio diffondere in tutto il mondo “, 

Nessuna descrizione della foto disponibile.


Nessuna descrizione della foto disponibile.

Nessuna descrizione della foto disponibile.

ha detto l’artista con guantoni da boxe, 
riempiti di vernice inizio a “combattere” con la tela.”

Nessuna descrizione della foto disponibile.


L'immagine può contenere: spazio all'aperto


Ha inventato una nuova corrente di creazione artistica: 

“Azione dipinta con i guanti: Pambelé”. 

Così ha chiamato il modo in cui ora produce. Indossa i suoi guantoni da boxe,
li riempie di vernice e inizia a combattere con la tela. 
Un genio che rende ancora più autentico. 

“Il guanto è un’estasi. Voglio imparare di più per avere qualcosa che il mondo non ha visto. È emozionante e mi ricorda il periodo in cui ero al pugilato.”

Sa che il dipinto è pronto quando il richiamo della tela
e si ferma, come richiesto dai suoi contendenti. 

photo Greselin

Baldot, atleta o artista, 
è stato e sarà campione per tutta la vita.

https://www.facebook.com/uvaldoantonio.torres

CONDIVIDI ;)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.